In offerta!

Battista Antonelli e il monte frumentario di Gatteo

Prezzo di copertina

5 €

Prezzo scontato

4.5 €

ISBN 978-88-6942-034-4.

Argomento:

Collana: .

Descrizione prodotto

Questa pubblicazione permette il recupero della memoria nei confronti degli Antonelli; nati a Gatteo, grazie al talento del capostipite Giovan Battista e del fratello minore Battista, fra la metà del XVI sec. e la metà del XVII costituirono una vera e propria dinastia di ingenieri e architetti militari capaci e geniali, tanto da conquistare la stima e le commissioni di ben quattro re di Spagna: Carlo V, Filippo II,  Filippo III e Filippo IV. Furono dei protagonisti della storia spagnola di quel periodo, contribuirono in modo significativo ad uno degli eventi più importanti nella storia mondiale quale  la colonizzazione delle Americhe. Conosciuti e stimati all’estero sono stati riscoperti a livello locale e poi nazionale, solo sul finire degli anni ’90 del secolo scorso.

Lo studio di Ottaviani restituisce la dimensione civica di Battista Antonelli, partito da Gatteo per raggiungere il fratello tra il 1568 e 1569, progettista e artefice di fortezze capaci di fermare l’attività dei pirati e garantire la penetrazione degli spagnoli nelle Americhe. Personaggio geniale, pragmatico, avventuroso si guadagnò un posto di primo piano all’interno di quello che oggi chiameremmo lo staff di Filippo II. Eppure in punto di morte Battista pensò al suo paese natale, la sua Gatteo e lo fece in un modo molto concreto: inserì nel suo Legato testamentario un lascito di 625 ducati di Spagna. All’epoca era prassi comune inserire nei testamenti dei lasciti per ordini religiosi, parrocchie, opere pie o confraternite, era un modo in cui si pensava di garantire una sorta di lasciapassare per l’anima del defunto: ma in Battista ci fu più di questa pia intenzione, ci fu il desiderio di offrire alla propria gente uno strumento reale di sostegno. Ne sono testimonianza le modalità precise con cui progettò il lascito, con caparbietà volle assicurarsi che il Monte fosse non solo istituito ma anche messo in condizioni di autosostenersi e, soprattutto, lo pensò con una natura esclusivamente civica.

Informazioni aggiuntive

Sottotitolo

Chi sa osservare un cuore sul suo cammino lo trova sempre

Formato

15 x 21

Pagine

64

Pubblicazione

marzo 2016

Confezione

punto metallico

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Battista Antonelli e il monte frumentario di Gatteo”