In offerta!

Battaglie sull’Appennino

Prezzo di copertina

20.00 €

Prezzo scontato

18.00 €

ISBN 978-88-88775-54-8.

Argomento:

Collana: .

Descrizione prodotto

 

Il libro “Battaglie sull’Appennino – Storia della Prima Divisione Britannica (agosto 1944 – gennaio 1945)” narra le vicende di questo contingente militare nella seconda parte della sua campagna d’Italia, iniziata ad Anzio nel gennaio 1944.

I soldati della 1ª Divisione, che faceva parte della V Armata, parteciparono alla liberazione di Firenze, e la tennero fino alla fine di agosto; poi iniziarono l’avanzata verso Nord, seguendo il tracciato della “Arrow Route”, ossia della strada che da Firenze porta a Faenza, passando per Borgo San Lorenzo e Marradi. Fu sotto l’impeto del loro attacco che si ebbe il primo cedimento della Linea Gotica, poi sfruttato ampiamente dal II Corpo statunitense. I combattimenti successivi allo sfondamento della Linea Gotica permisero di liberare Palazzuolo e Marradi entro la fine del mese di settembre 1944.

Da quel momento la “Arrow Route” seguita dalla 1ª Divisione non seguì più la valle del Lamone, ma scese lungo la valle del Senio, da Palazzuolo in direzione di Castel Bolognese; nel frattempo le truppe germaniche avevano rinforzato alcuni punti per arrestare l’avanzata degli Alleati e si apprestavano a tenerli ad ogni costo. A cavallo della valle del Senio i capisaldi da conquistare furono due, Monte Battaglia e Monte Cece, sui quali gli Alleati riuscirono a mettere piede pagando un altissimo prezzo in vite umane. Alla 1ª Divisione toccò il Monte Cece, che fu definitivamente conquistato il 20 ottobre 1944, dopo 16 giorni di durissimi combattimenti con condizioni meteorologiche avverse.

A questo punto, la stagione non permetteva di mettere in atto altre offensive, perché l’inverno era prossimo. Il Comando della V Armata riorganizzò ampi settori di fronte e la 1ª Divisione lasciò la “Arrow Route” per dedicarsi alla difesa della zona di Monte Grande, un gruppo di alture che dominavano Castel San Pietro e la via Emilia fino alle porte di Bologna.

Il nuovo settore di fronte fu preso in consegna all’inizio del mese di novembre 1944. L’avversario era l’agguerrita 1ª Divisione Paracadutisti, che approfittava anche di un’ottima posizione strategica, dominando le postazioni inglesi da tre lati su quattro.

La 1ª Divisione avrebbe dovuto tenere questo settore per tre settimane, invece vi rimase fino a metà gennaio 1945, quando abbandonò l’Italia per recarsi in Medio Oriente. Durante questo periodo le truppe inglesi dovettero contenere i contrattacchi dei tedeschi, che logorarono le loro forze fino al punto estremo di resistenza. A Monte Grande la 1ª Divisione ebbe oltre 140 caduti, un terzo del totale da Firenze in poi.

Il testo è la traduzione del diario di guerra della 1ª Divisione, semplificato negli aspetti più specialistici e reso comprensibile da alcune note esplicative a margine. C’è un ampio repertorio di immagini, in parte inedite, e, in appendice, sono riportate le mappe militari che corredavano il diario, i distintivi delle unità combattenti, la tabella delle perdite riportate in battaglia e l’elenco delle onorificenze principali ottenute dagli uomini della Divisione.

 

Informazioni aggiuntive

Sottotitolo

Storia della Prima Divisione Britannica (agosto 1944 – gennaio 1945)

Formato

21 x 30 cm

Pagine

192

Pubblicazione

maggio 2007

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Battaglie sull’Appennino”