In offerta!

La nostra zòca

Prezzo di copertina

12 €

Prezzo scontato

10.8 €

ISBN 978-88-6942-028-3.

Argomento:

Collana: .

Descrizione prodotto

 

scarica la scheda formato pdf

 

La storia della famiglia Guerrini si dipanadai primi decenni dell’Ottocento (quando il ricordo delle imprese napoleoniche è ancora ben presente) fino agli anni immediatamente successivi alla Seconda guerra mondiale, nei quali era forte la speranza di vivere in un mondo migliore e senza guerre. I luoghi in cui avvengono i fatti sono ben definiti, nelle ultime terre della Romagna verso occidente, Lugo, Bagnara, Mordano, in parte Imola, ma soprattutto Solarolo, paese dei Guerrini da circa un secolo e mezzo.

La narrazione, accurata e precisa per le pazienti ricerche negli archivi e per la raccolta dei ricordi dalla viva voce dei testimoni diretti mentre erano in vita, si sviluppa in modo sintetico e ci presenta, anche con l’ausilio di fotografie e documenti originali, gli avvenimenti accaduti in quasi un secolo e mezzo.

Si vede in trasparenza la storia, quella “grande” e quella “piccola”, che lascia la sua traccia in ogni territorio: i briganti, lo Stato della Chiesa, i moti insurrezionali, lo Stato italiano, la Prima guerra mondiale, i contrasti tra popolari e socialisti, l’avvento del fascismo e l’opposizione al regime, la Seconda guerra mondiale, la Resistenza, la rivalità tra DC da una parte e PCI e PSI dall’altra.

Emergono con forza la cultura e la tradizione romagnole, fatte di vita nei campi, di credenze, di famiglie contadine, di artigiani e di vita di paese, di fede religiosa e di fede politica, di ferree convizioni e di contrasti anche violenti per le idee, segni di un’anima, quella romagnola, che ha caratterizzato la nostra gente e che, in parte, sopravvive ancor oggi.

Informazioni aggiuntive

Sottotitolo

Storia e racconti di una famiglia contadina della Romagna

Pagine

204

Formato

15×21 cm

Pubblicazione

febbraio 2016

Confezione

brossura

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La nostra zòca”